Critiche da una parte del mondo accademico sull'assegnazione di cinquecento cattedre per chiara fama scientifica intitolate a Giulio Natta, premio Nobel per la chimica insieme con Karl Ziegler nel 1963. Il programma prevede il rientro di cervelli in fuga con la possibilità di poter offrire loro uno stipendio più alto del 20%/30%. La polemica nasce dai criteri di nomina secondo alcuni di nomina governativa come ai tempi del fascismo...
Ne parliamo con Tommaso Nannicini, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio e Francesco Sylos Labini, fisico teorico e presidente dell'associazione Roars (Return on Academic Research).

Da non perdere

Noi per voi