Uno, nessuno, 100Milan08/06/2022

Libero di morire

Fabio Ridolfi, il 46enne pesarese, affetto da una tetraparesi che da diciotto anni lo costringe immobile a letto con dolori lancinanti...

  • 0

Fabio Ridolfi, il 46enne pesarese, affetto da una tetraparesi che da diciotto anni lo costringe immobile a letto con dolori lancinanti, ha deciso di porre fine alle sue sofferenze attraverso una sedazione profonda e continua. Si tratta di una pratica che prevede un accompagnamento alla morte, attraverso una progressiva sedazione in concomitanza all'interruzione dei sostegni vitali come la nutrizione e la ventilazione meccanica. La scelta di Ridolfi, nonostante sia consentita dalla legge, ha comunque diviso l'opinione pubblica tra chi approva e chi condanna, anche a livello etico, questa pratica. Ne parliamo insieme a Lucetta Scarrafia, storica e componente del Comitato di bioetica e Filomena Gallo, legale e segretaria dell'Associazione Luca Coscioni. A seguire, insieme a Stefano Vicari, docente di Neuropsichiatria infantile all'Università Cattolica, torniamo a parlare del momento complicato che stanno vivendo gli adolescenti nell'era post pandemica: tra aumenti di casi di autolesionismo, abbandono scolastico e ritiro sociale.

Da non perdere

Noi per voi