Un libro tira l'altro09/07/2017

Scarpellini: l'Italia leader nella moda perché ha sempre saputo cogliere le trasformazioni sociali in atto

    0

Già cento anni fa l'Italia era leader nel settore tessile, e vestiva tutte le persone perbene d'Europa. Dopo la seconda guerra mondiale, con il rifiorire dell'attività economica l'Italia porta le proprie conoscenze e competenze nel campo industriale - racconta Emanuela Scarpellini nel suo libro "La stoffa dell'Italia. Storia e cultura della moda dal 1945 ad oggi" (Laterza, 260 p., € 20,00). Il successo della moda italiana è legato soprattutto a due tappe importanti: la sfilata di Palazzo Pitti del 1951, con la quale l'Italia si affaccia sul mercato internazionale, e quella del 1971 alla Società del Giardino di Milano, che segna la nascita del prêt-à-porter. La grande intuizione italiana è stata quella di cogliere le trasformazioni sociali in atto, mettendo al centro il consumatore e proponendo da una parte abiti eleganti ma adatti al mondo del lavoro, dall'altra un abbigliamento casual e sportivo che ha permesso di avvicinare i giovani al mondo della moda.

RECENSIONI
"Bellissime" di Flavia Piccinni
(Fandango, 204 p., € 16,00)
"Io, trafficante di virus. Una storia di scienza e di amara giustizia" di Ilaria Capua
(Rizzoli, 240 p., € 18,50)
"La scienza che allunga la vita. La rivoluzione dei telomeri" di Elizabeth Blackburn e Elissa Epel
(Mondadori, 408 p., € 24,00)
"Le due teste del tiranno. Metodi matematici per la libertà" di Marco Malvaldi
(Rizzoli, 256 p., € 18,00)
"Le battute memorabili di Feynmann" a cura di Michelle Feynmann
(Adelphi, 410 p., € 26,00)
"Da Stonehenge alle piramidi. Le meraviglie dell'archeoastronomia" di Giulio Magli
(Francesco Brioschi editore, 208 p.; € 19,00)
"La disobbedienza civile" di Henry David Thoreau
(Feltrinelli, 130 p., € 7,00)

IL CONFETTINO
"Walden. Un anno nei boschi" di Henry David Thoreau
(Gallucci, 32 p., € 16,00)

Da non perdere

Ascolta anche

Noi per voi