Un libro tira l'altro11/03/2018

Salvatore Rossi: il mito dell'oro, un bene intramontabile e incorruttibile

  • 0

L'INTERVISTA
Antichissimo ma ancora attuale, oggetto di investimento e bene-rifugio, l'oro ha sempre avuto una connotazione negativa, legata all'idea di un'ineguale distribuzione della ricchezza, di avidità, di avarizia. Una disuguaglianza che però dopo gli anni '80 diventa più contenuta, anche se non c'è dubbio che la distribuzione della ricchezza rimanga ancora ineguale – commenta Salvatore Rossi, direttore generale della Banca d'Italia e autore del libro "Oro" (Il Mulino, 132 p., € 12,00) (https://www.mulino.it/isbn/9788815274144). Il denaro alimenta il sentimento del bisogno e del desiderio anziché quello dell'odio ideologico, e rappresenta tutto ciò che consente di superare i limiti del baratto. E' il grande lubrificante dell'economia: tutto sta nel saperlo regolare nell'interesse della collettività.

RECENSIONI
"Goldfinger" di Ian Fleming
(Adelphi, 296 p. € 20,00)

"Fuoco e furia. Dentro la Casa Bianca di Trump" di Michael Wolff
(Rizzoli, 384 p., € 21,00)

"Il secolo greve. Alle origini del nuovo disordine mondiale" di Mattia Ferraresi
(Marsilio, 176 p., € 16,00)

"Il caos italiano. Alle radici del nostro dissesto" di Paolo Mieli
(Rizzoli, 352 p., € 20,00)

"Un paese senza leader. Storia, protagonisti e retroscena di una classe politica in crisi" di Luciano Fontana
(Longanesi, 224 p., € 16,90)

"La fine del dibattito pubblico. Come la retorica sta distruggendo la lingua della democrazia" di Mark Thompson
(Feltrinelli, 432 p., € 22,00)

IL CONFETTINO
"Talpino terremoto" di Anna Llenas
(Gribaudo, 56 p., € 14,90)

Da non perdere

Ascolta anche

Noi per voi