Un libro tira l'altro28/10/2018

Le pericolose derive del multiculturalismo

    0

A volte, quando si parla di matrimoni forzati, quali quelli a cui sono sottomesse le ragazze e le bambine musulmane, si preferisce parlare di "matrimoni combinati", quasi ad evocare una presunta forma di consenso. Questo è solo uno dei tanti esempi di come oggi, in nome del multiculturalismo, sia facile edulcorare una realtà tragica – commenta Cinzia Sciuto, autrice del libro "Non c'è fede che tenga. Manifesto laico contro il multiculturalismo" (Feltrinelli, 192 p., € 20,00).

A volte, pur di non dover affrontare i problemi legati al fondamentalismo, si ricorre al termine islamofobia. Ma l'Islam dovrebbe poter essere criticato come tutte le altre religioni, perché bisognerebbe sempre distinguere le credenze dalle persone. Lo scivolamento dal piano delle idee a quello della sensibilità personale finisce sempre per tradursi nell'autocensura. E questo vale per le religioni, ma vale anche per tutti i casi in cui le rivendicazioni di diritti universali, come quelli delle donne o degli omosessuali, si trasformano in pretese di riconoscimento di presunte identità che nascondono spesso forme di autoritarismo. C'è infatti sempre qualcuno che si autoelegge a rappresentante di una presunta comunità. Ma i diritti possono far capo esclusivamente ai singoli individui, non ai gruppi - conclude la Sciuto.

RECENSIONI
"Processo dell'Islam alla civiltà occidentale" di Guido Piovene
(Bompiani, 78 p., € 8,00)

"Hendrix '68. The italian experience" di Enzo Gentile e Roberto Crema
(Jaca Book, 138 p., € 35,00)

"Sognando Elvis" di Vincenza Carratello
(Bao, 216 p., € 19,00)

"The Gloaming. I Radiohead e il crepuscolo del Rock" di Stefano Solventi
(Odoya, 336 p., € 20,00)

"Dante Pop. Canzoni e cantautori" di Trifone Gargano
(Progedit, 92 p., € 7,00)

"1791. Mozart e il violino di Lucifero" di Davide Livermore e Rosa Mogliasso
(Salani, 336 p., € 18,00)

IL CONFETTINO
"Viola Giramondo. Le note dell'amicizia" di Teresa Radice e Stefano Turconi
(Battello a vapore, € 12,90)

Da non perdere

Noi per voi