Tutti Convocati16/03/2020

Il meglio di

Messina: "Impossibile riprendere a breve. Siamo in guerra, sport e basket aspetteranno"

Dalla quarantena dell'Olimpia Milano (dopo aver giocato in Eurolega contro il Real Madrid con il caso di positività del giocatore Thompkins, ndr) parla con Tutti convocati Coach Ettore Messina per raccontarci come la sua squadra e il basket stanno vivendo i giorni dell'emergenza coronavirus: "Pensare alle partite e al campionato ora è difficile. Il tema sarà, una volta finita la quarantena,  vedere se è il caso di lasciar andare a casa i giocatori nel senso di farglielo fare nel modo più sicuro possibile, ora non è facile raggiungere le famiglie in altri paesi stranieri, ma non ci sono voli. Vedremo più avanti cosa deciderà la Federazione e l'Eurolega. Pensare di giocare in tempi brevi sembra impossibile, parliamo di un picco che deve ancora arrivare, abbiamo davanti settimane se non mesi, sport e pallacanestro possono aspettare". Coach Messina commenta anche la gestione della situazione in Italia e in Europa: "In Italia non possiamo lamentarci, a livello di pallacanestro abbiamo reagito con tempestività. A livello sportivo in Europa nella gestione abbiamo avuto il riflesso di quello che stava accadendo nella società civile, pensavano tutti che fosse un problema italiano quello del coronavirus". E sull'ipotesi di una ripresa dei campionati e delle coppe Messina aggiunge: "E' importante sedersi a un tavolo e pensare a cosa si può fare dopo, senza ansie di ricominciare. Riprendere a porte chiuse? Mi sembra una contraddizione in termini, lo sport è un'aggregazione di persone, inutile affrettare per il gusto di riprendere".

Da non perdere

Noi per voi