Storiacce03/03/2019

La lotta dell'Italia rurale contro lo spopolamento

    0

E' soprattutto d'inverno, che i fantasmi si fanno sentire. Quando c'è sempre, prima o poi, una finestra che sbatte, dentro qualche casa chiusa. E nel silenzio di strade deserte, il vento diventa la voce dell'assenza. La voce cioé di chi è partito, per cercare altrove fortuna. Da anni, c'è un movimento profondo, in atto. di svuotamento dei piccoli comuni, soprattutto a vocazione agricola. Un mondo in gran parte oscuro, ricordato ora dalla protesta dei pastori sardi. Sono 783.511 gli italiani che hanno avviato cambi di residenza, più di mille i comuni colpiti da abbandono definitivo, ancor di più quelli con percentuali di spopolamento costante, negli ultimi 50 anni, da Nord a Sud. Chiudono scuole, si diradano servizi e l'ipotesi di accorpamento viene in genere respinta dalla popolazione. L'Anci ha avviato un' agenda per il controesodo, anche con accordi con le Poste e iniziative per incentivare servizi e infrastrutture. Allo stesso tempo, sempre più sindaci provano ad usare anche l'isolamento dei propri borghi, come leva per attrarre nuovi abitanti, oltre che turisti, e far fruttare le tante case chiuse. E si moltiplicano le iniziative.

Da non perdere

Noi per voi