Reportage25/09/2022

Spalando il fango, la rabbia oltre il dolore nei paesi delle Marche - di Cristina Carpinelli e Laura Meda

La rabbia di chi ha visto spazzar via in un lampo tutto ciò che aveva costruito

  • 0

La rabbia di chi ha visto spazzar via in un lampo tutto ciò che aveva costruito, le lacrime di chi ha accompagnato i feretri delle vittime, la solitudine dei tanti che continuano a lavorare da soli per risollevarsi. Si tenta di dare una stima del disastro, ma è ancora troppo presto e a Senigallia, Ostra, Trecastelli, Bettolelle, Casine , Barbara, Cantiano si continua a spalare il fango prima che indurisca. Tra i sindaci cresce la rabbia di essere stati lasciati soli, di non aver ricevuto l'allarme. Si muove in questo senso anche la magistratura, sono due le inchieste aperte una della procura di Ancona e una di Urbino. La procura di Ancona al momento ha aperto un fascicolo contro ignoti ipotizzando i reati di omicidio colposo plurimo e inondazione colposa. Si sta cercando di capire se ci sia stata una mancata allerta da parte della Regione nei confronti dei comuni che ha causato la morte di undici persone.

Da non perdere

Noi per voi