Reportage17/04/2021

REPORTAGE - Donne in rosso

Nelle storie di violenza c'è sempre un momento chiave...

  • 0

Nelle storie di violenza c'è sempre un momento chiave: quando si fa la telefonata per chiedere aiuto, quando ci si affida al centro antiviolenza, quando si denuncia. Quando si trova un lavoro. Quando i bambini rimasti orfani e le loro famiglie cercano di rimettere insieme i pezzi. Ed è la persona che si incontra a fare la differenza: le forze dell'ordine, il giudice, l'avvocato, l'assistente sociale, lo psicologo, le istituzioni decidono il destino della donna, dei suoi figli, delle famiglie. Ma se una donna su 3 nel corso della vita subisce violenza, se una ogni 72 ore muore - nella maggior parte dei casi per mano del compagno o ex -, se 2000 orfani con le famiglie si scontrano con burocrazia e solitudine, se alle donne ancora non si crede... che cosa non funziona? Quali sono le possibili soluzioni?
In sei reportage racconteremo le storie di chi lotta contro la violenza. Chiederemo agli attori coinvolti come andare oltre gli stereotipi e garantire un futuro a donne, bambini, famiglie.

Storie di chi resta - di Livia Zancaner
Renato - dopo 11 processi - paga ancora la parte del mutuo dell'assassino di sua figlia e non ha ricevuto alcun aiuto dallo stato. Giuseppina ha paura per i suoi nipoti: chi si occuperà di loro? Ida ha vent'anni, sua madre è morta nel 2009, le ferite restano ma il futuro è tutto da scrivere. Sono le storie degli orfani di femminicidio e delle loro famiglie. Per loro c'è una legge, ci sono i fondi ma la burocrazia è troppa e spesso le persone che dovrebbero aiutarli non sono formate. Il racconto attraverso le testimonianze e le parole della psicologa Emanuela Iacchia e di Patrizia Schiarizza, presidente del Giardino Segreto.

Ascolta qui la prima puntata: Storie di chi fugge
Ascolta qui la seconda puntata: Storie di chi combatte

Da non perdere

Ascolta anche

Noi per voi