Radio Next19/05/2019

I contenuti sono ancora rilevanti?

  • 0

Dai contenuti al commerce, aziende come Glossier che da un blog è diventata una startup di commerce sul beauty o come Harrys, una azienda di prodotti per la rasatura a prezzi contenuti che concentra i suoi sforzi di comunicazione attorno al suo magazine Five o'clock; o ancora Away, il produttore di valigeria che ha puntato su uno strumento tradizionale come la carta (il magazine Here, distribuito anche in digitale) e il podcast sui viaggi (Airplane Mode . Tutte queste hanno costruito il proprio successo sui contenuti. Ma è ancora rilevante il contenuto in un mondo guidato dalle piattaforme e dai dati? Lo abbiamo chiesto in questa puntata di #RadioNext a Vittorio Bonori, CEO di Publicis Groupe Italy, secondo cui stiamo vivendo una crisi di rilevanza perché quanto prodotto dai brand è poco vicino alle esigenze e ai desideri del pubblico. Colpa anche dei tradizionali comunicatori, che fanno ancora fatica ad accettare e cavalcare il percorso evolutivo della trasformazione in atto. Una nuova professione si delinea all'orizzonte, il marketeer trasversale, in grado di comprendere grazie ai dati le richieste del pubblico e di costruire un ponte tra la comunicazione e il business, per rendere l'esperienza senza barriere. Un marketeer teconologico quindi con uno spiccato orientamento al business. Con la tecnologia a giocare il ruolo difattore abilitante: non si sostituirà alla creatività umana, bensì ne agevolerà la declinazione verso quei milioni di microsegmenti quanti sono i potenziali clienti.

Noi per voi