Radio Next27/05/2018

Banche a un bivio: chiudere o cambiare mestiere?

  • 0

Dire che il banking sta cambiando grazie alla (o per colpa della) trasformazione digitale non è più una notizia ormai: la walkability degli sportelli è diminuita drasticamente, sempre più i consumatori e i clienti corporate utilizzano piattaforme da remoto per effettuare le proprie operazioni. E’ l’era dell’indipendenza di azione, reazione naturale ad anni di rendite di posizione del mondo bancario che non ha certo lavorato per migliorare i rapporti con la propria clientela. Possiamo semplificare dicendo che le prime attività a minore valore aggiunto sono state facilmente disintermediate da applicazioni e servizi online. Il conto corrente è ormai nella tasca della giacca, solidamente ancorato al nostro smartphone. Brillanti esempi di questa disruption sono l’americana Simple, Monzo e Tandem in Gran Bretagna e l’italiana BuddyBank (https://www.buddybank.com/it/). Il tutto parte dalla semplificazione del modello operativo esistente, riducendo i minimi termini gli elementi necessari alla gestione del denaro: essenzialmente una carta di credito e una app sul telefono. Alcuni degli esempi citati sono di derivazione bancaria, altre invece pure startup che ovviamente saranno presto acquisite dai player tradizionali, o da chi ci vede lungo e vuole mettere in cassaforte un veicolo di pagamento online per integrarlo con la propria strategia di business, come ad esempio i grandi retail.

Se spostiamo l’attenzione dal conto corrente ai sistemi di pagamento, incontriamo una seconda significativa disruption: la loro dematerializzazione totale, grazie alla creazione di portafogli (wallet) elettronici che permettono la finalizzazione della transazione attraverso lo scambio di moneta con un’app sul telefono. E’ il caso della nostrana Satispay , la startup italiana che ha raccolto più fondi di venture capital negli ultimi anni, o dell'americana CashCloud, che include il pagamento con NFC, ossia la possibilità di pagare con il telefono fisicamente a contatto con il terminale, come oggi accade con le carte di debito e di credito. In questo ambito le banche tradizionali hanno fatto meno fatica ad innovare, sia perché gran parte dei servizi citati è resa disponibile anche in white label da fornitori di tecnologia, sia perché il workflow è relativamente semplice ed isolato rispetto alle altre attività bancarie e finanziarie. Il successo in questo caso lo hanno fatto le attività di marketing e la capacità dei nuovi player di ingrandire il network di esercizi e aziende di servizio che accettano il pagamento. Pyng è l’applicazione di Telepass che ha già all’attivo numerose partnership con gli enti locali per il pagamento dei parcheggi cittadini, oltre che ovviamente dell’autostrada, del carburante e del bollo auto.

Il vero pericolo per il sistema banca nasce però dall’area a maggiore profittabilità (potenziale): la consulenza finanziaria sugli investimenti privati e aziendali. Anche in questo settore specifico gli esempi non mancano: andiamo dall’americana Wealthfront, alla tedesca Scalable Capital (https://de.scalable.capital), dalla britannica Nutmeg all’italiana Moneyfarm. La caratteristica distintiva dei servizi citati sta nell’utilizzo massivo di algoritmi ed intelligenza artificiale in grado di ottimizzare il portafogli di investimenti di un risparmiatore, proponendo anche piani di accumulo o pensioni integrative di operatori noti di mercato, a costi sensibilmente contenuti rispetto a quelli tradizionali. Niente più passeggiata in filiale o nell’ufficio del promotore finanziario, tutta la consulenza è erogata comodamente online e fruibile ovunque, senza vincoli di spazio e di tempi. La creazione di una nuova catena del valore in grado di cambiare le regole di un mercato passa per tre principi cardine: semplificazione, diminuzione dei costi e autonomia gestionale. Quanto raccontato fin qui è sì peculiare dell’industry bancaria ma i razionali sottostanti si possono applicare tranquillamente alla gran parte dei mercati. Ne abbiamo parlato con Daniele Pedrazzi, responsabile marketing strategico di BPER Banca, ospite di questa settimana di #RadioNext 

Da non perdere

Noi per voi