Si può fare05/06/2021

Si può fare al mare

Voci da un mondo sostenibile

  • 0

Apriamo con Simone Perotti, autore del libro “L’altra via”, che racconta la sua storia personale con la fidanzata: dopo aver comprato un rudere da ristrutturare in un’isola del mar Egeo, i due sono rimasti bloccati là dalla pandemia per mesi e hanno deciso di costruirsi una casa con le proprie mani. 

Quale sport viene subito alla mente pensando alla spiaggia? Il beach volley naturalmente! Eugenio Amore, ex giocatore di beach volley professionistico, ha deciso una decina di anni fa di aprire una scuola dove insegnare questa disciplina. 

Anche l’arte può aiutare a sensibilizzare l’opinione pubblica su temi ambientali: è il caso dei murales realizzati per il progetto “Oceani e clima” di Worldrise Onlus, di cui Mariasole Bianco è presidente. Ancor più diretto è l’effetto delle statue d’autore calate sul fondale di Talamone per contrastare la pesca a strascico. L’idea è di Paolo Fanciulli, pescatore. La storia ce la racconta Ilaria De Bernardis, autrice del libro “La Casa dei Pesci - Storia di Paolo il pescatore”. 

Con Giuseppe Schivardi, ammiraglio della Marina Militare, ripercorriamo ospiti e contenuti del convegno  “Oceani sunt servandi” che si è tenuto a Venezia, in occasione del Salone nautico, il 29 e il 31 maggio scorsi. 

Cuore 21 realizza camp estivi a Riccione per ragazzi con disabilità intellettiva e normodotati, consentendo loro di trascorrere diverse giornate facendo attività balneari. Ci parla delle iniziative di questa cooperativa sociale Eleonora Gennari, direttrice artistica dell'associazione. 

Da non perdere

Noi per voi