I Padrieterni11/10/2021

Il meglio di

Giorgio Parisi, un padre da Nobel

Giorgio Parisi

In occasione dell'assegnazione del Premio Nobel per la Fisica a Giorgio ParisiFederico Taddia Matteo Bussola, ai microfoni de  "I Padrieterni" , chiedono a Lorenza Parisi, sua figlia, che tipo di padre è stato: "Lui è stato sempre molto presente, quindi assolutamente il contrario dello stereotipo dello scienziato chiuso. Molto curioso del mondo, ma sempre molto presente in famiglia. Anche mio fratello racconta che, quando noi eravamo alle scuole medie, nostro padre tornava sempre a pranzo, per mangiare con noi, e poi tornava all'Università. È stato molto attento a tutto ciò che ci succedeva. Negli anni '80 e '90 è stato anche un modello di papà un po' diverso da quelli che erano i modelli dell'epoca che dicevano di concentrarsi sul lavoro e basta e poco sull'aspetto della cura. Mentre lui si è veramente occupato proprio dei nostri bisogni quotidiani, essendo sempre molto attento e presente. Adesso che ci penso, non so come abbia fatto. Ho letto da una sua dichiarazione che i suoi studi fondamentali li ha fatti fra il 1979 e il 1983: io sono nata nel 1980, mio fratello nel 1982. Beato mio padre che ci è riuscito".

Da non perdere

Ascolta anche

Noi per voi