Olympia07/06/2020

Minneapolis burning: lo sport Usa e il 'caso-George Floyd'

  • 0

Il no di Muhammad Alì alla leva militare in Vietnam, il pugno nero alzato al cielo da Tommie Smith e John Carlos ai Giochi di Città del Messico 1968; Colin Kaepernick che s'inginocchia per protesta durante l'esecuzione dell'inno americano. Bastino questi tre fotogrammi a ricordarci che sport e battaglie per i diritti civili hanno giocato spesso la stessa partita, negli Stati Uniti. E anche ora che l'America è in fiamme dopo l'uccisione di George Floyd, le stelle afroamericane dello sport scendono in campo, e ancor più spesso in strada: dai tweet di LeBron James, all'ex campione di football americano Jerome Carter, alla tennista Naomi Osaka, i pugni dei campioni tornano a levarsi al cielo, memori dei tempi in cui se vincevano erano considerati americani, se perdevano dei semplici negri. Allora come oggi, quei pugni contro il cielo testimoniano la voglia di giustizia e verità. Dario Ricci ne parla oggi a Olympia con Francesco Gallo, storico dello sport, cineasta e autore di Negri, documentario dedicato a sport e razzismo negli States, e con Ricardo Pratesi, giornalista de La Gazzetta dello Sport, esperto di sport Usa, che negli ultimi quattro anni ha vissuto in diverse città degli States, tra cui proprio Minneapolis.

olympia@radio24.it
La regia della puntata è a cura di Filippo Aureggi

Da non perdere

Ascolta anche

Noi per voi