Olympia14/06/2020

Il sogno dell'Azteca: Italia-Germania 4 a 3

  • 0

Qualche minuto dopo il triplice fischio dell'arbitro Arturo Yamasaki, un giornalista scrupoloso come Giorgio Lago andò a chiedere conferma a Gianni Rivera se il gol definitivo del 4-3 lo avesse segnato di sinistro. L'emozione del momento aveva colto impreparato uno dei migliori giornalisti sportivi di quella generazione. Ancora più sorprendente però è la risposta del fuoriclasse azzurro: "Sì, certo, di sinistro". Si erano sbagliati entrambi. Quel gol, visto decine e decine di volte (non solo) in televisione, smise subito di essere reale per trasformarsi in una specie di apparizione. La rete di Rivera è diventata, e per estensione tutta Italia Germania 4-3, tante di quelle cose che a un certo punto sono stati trascurati i veri protagonisti dell'evento. Perché a fare la Storia il 17 giugno 1970 all'Azteca di Città del Messico sono stati degli uomini e un pallone. Dario Ricci ne parla oggi con Roberto Brambilla e Alberto Facchinetti, autori di Quattro a tre (Edizioni Incontropiede).

olympia@radio24.it

La regia della puntata è a cura di Andrea Roccabella

Da non perdere

Ascolta anche

Noi per voi