Musica maestro02/06/2019

Al teatro Olimpico di Vicenza un viaggio tra le diverse musiche e culture

    0

E' iniziata la settimana scorsa e proseguirà fino al 16 giugno la 28a edizione del Festival Settimane Musicali al Teatro Olimpico di Vicenza. Titolo di questa edizione è "In cammino", quasi a sottolineare il desiderio di spaziare tra le varie culture e le diverse espressioni musicali, in un viaggio ideale che partendo dalla Venezia di Vivaldi arriva alla Buenos Aires di Astor Piazzolla, dalla Parigi di Maurice Ravel raggiunge l'Ararat di Kaciaturian – spiega Sonig Tchakerian, violinista e direttrice artistica del Festival.
Non solo contaminazioni tra generi musicali, ma anche tra musica e scrittura, come nell'appuntamento di sabato 8 giugno "Amadeus in cammino tra le donne", che prevede l'esecuzione di alcune sonate per violino di Mozart accompagnate da una selezione di lettere scritte dal compositore alle donne della sua vita, lette per l'occasione da Giancarlo Giannini.

Da molti anni inoltre il Festival dedica una particolare attenzione ai giovani talenti, con la sezione Progetto Giovani, che presenta una serie di concerti che si svolgono nell'Odeo del Teatro Olimpico. I prossimi appuntamenti sono il 9 giugno alle ore 12 con il pianista Gabriele Strata, vincitore del Premio Venezia 2018 e il 16 giugno alle 12 con Elia Cecino, vincitore del Premio Brunelli 2019.

I brani che ascoltiamo in questa puntata sono un estratto dalle "Cuatros Estaciones Porteňas" di Astor Piazzolla, nella versione per violino e orchestra scritta per Sonig Tchakerian da Luis Bacalov, in una registrazione dal vivo del 3 agosto 2014 all'Auditorium di Milano con l'Orchestra sinfonica laVerdi diretta dal Maestro Josè Maria Sciutto; la ‘Tempesta', dal cd Decca "Vivaldi - Seasons and Mid-seasons", eseguita dall'Orchestra Sinfonica di Padova e del Veneto, al violino Sonig Tchakerian e al sassofono Pietro Tonolo, che per questo progetto ha composto le "Mezze stagioni" che si alternano con le stagioni vivaldiane; il "Concerto in Si bemolle maggiore K207" dall'album Universal "Violin concertos", che alterna i cinque concerti per violino composti da Mozart con nuove cadenze scritte per l'occasione dal violoncellista Giovanni Sollima.

Da non perdere

Noi per voi