Musica maestro15/08/2021

Novità discografiche: Arianna Lanci, Luigi Magistrelli, Ginevra Costantini Negri, Gloria Campaner

In questa prima puntata estiva di Musica maestro dedicata alle segnalazioni di novità discografiche...

    0

In questa prima puntata estiva di Musica maestro dedicata alle segnalazioni di novità discografiche, partiamo con una giovane cantante, Arianna Lanci , che per Movimento Classical ha appena pubblicato l'album "Sul filo degli affetti. Il sogno di Arianna" realizzato assieme alla clavicembalista Chiara Cattani e alla violoncellista Verena Laxgang. L'album ripercorre le varie declinazioni del mito di Arianna in musica, da Monteverdi ad Haydn, passando per Barbara Strozzi, Antonia Bembo e Alessandro Scarlatti, del quale viene proposta la cantata inedita "Dove alfin mi traeste". Il filo degli affetti è quello del racconto mitologico con il quale Teseo riesce ad uscire dal labirinto, ma è anche quello degli affetti che vengono espressi attraverso il canto - commenta Arianna Lanci.

Il viaggio tra le novità prosegue con un album dedicato alle musiche di Cesare Pugni, un compositore genovese del diciannovesimo secolo, oggi quasi completamente dimenticato, ma che all'epoca aveva conosciuto una certa popolarità - come racconta Luigi Magistrelli , clarinettista, che ha inciso con Da Vinci Classical l'album "Three Quartets for Clarinet and String Trio" .

La terza proposta riguarda Ginevra Costantini Negri , giovane pianista nominata Alfiere della Repubblica per i suoi meriti artistici, che dopo l'album d'esordio dedicato ai "peccati di vecchiaia" di Rossini propone ora "The Paisiello Academy" (Sony Classical) realizzato con l'Orchestra da camera Canova diretta da Enrico Saverio Pagano e con la mezzosoprano Manuela Custer. Abbiamo dato questo nome all'album perché volevamo riproporre l'atmosfera delle accademie musicali che si sono sviluppate in Italia tra il Settecento e l'Ottocento, che presentavano programmi all'interno dei quali l'artista principale era accompagnato da altri musicisti e cantanti - spiega Ginevra.

Chiudiamo con i "24 preludes" di Chopin che Gloria Campaner ha appena inciso per la Warner. Ventiquattro preludi che coprono tutte le tonalità musicali, sia maggiori che minori, e che rappresentano una sorta di percorso tra le emozioni che prova chi le esegue e chi le ascolta, e al tempo stesso un viaggio nell'animo di Chopin - commenta la giovane pianista.

Da non perdere

Noi per voi