Musica maestro17/06/2018

Elena Malakhovskaya: per una cantante oggi non basta il talento, bisogna anche saper gestire la propria carriera

    0

Quella del cantante è una professione difficile, che richiede uno studio continuo e grandi sacrifici. Ma, soprattutto, per una cantante è importante conoscere le lingue e sapersi proporre nel mondo musicale – spiega Elena Malakhovskaya, soprano di origini russe. Tra le varie masterclass seguite dalla soprano dopo i diplomi di canto conseguiti in Russia, ce n'era una infatti specificatamente dedicata all'acquisizione delle capacità manageriali. Un cantante può essere bravo, ma oggi deve anche sapersi vendere - chiarisce la Malakhovskaya. Originaria della Siberia, Elena debutta nel mondo della musica nel 2015 esibendosi presso il Teatro dell'Opera e del Balletto di San Pietroburgo Rimskij- Korsakov. Poi la decisione di trasferirsi in Italia, dove svolge un'intensa attività concertistica tra Milano e Roma. Il prossimo appuntamento sarà il 25 giugno presso l'auditorium Giorgio Gaber al grattacielo Pirelli di Milano, concerto ad ingresso gratuito che chiude la stagione della Società dei concerti di Milano (https://www.soconcerti.it/calendario-stagione/jun25-2018). Accompagnata al pianoforte da Elisa D'Auria, Elena interpreterà musiche di Puccini, Cilea, Rachmaninov, Strauss, Schumann, Chopin e Berg.
I brani che ascoltiamo in questa puntata sono l'Aria di Fiordiligi" da "Così fan tutte" di Mozart, in un'interpretazione del 2016 presso il Teatro di San Pietroburgo Rimskij- Korsakov e l'Aria di Kuma' da "L'incantatrice" di Tchaikovsky, eseguita nel 2015 al Concorso Internazionale di Canto Renata Tebaldi di San Marino.

Da non perdere

Noi per voi