Musica maestro04/11/2018

Dalle lettere di Casa Ricordi emergono i rapporti tra musica, economia e politica

    0

L'Archivio Storico Ricordi pubblica per la prima volta online il fondo epistolare della Casa Ricordi, 31 mila lettere originali che raccontano la storia della casa editrice, con la corrispondenza che i Ricordi tenevano con artisti, compositori, impresari, politici e giornalisti. Le lettere, che saranno consultabili sul portale dell'Archivio Ricordi a partire dal 5 novembre, si aggiungono ai 13.500 documenti iconografici presenti dal 2016 nella Collezione digitale dell''Archivio storico Ricordi - spiega Pierluigi Ledda, managing director dell'Archivio Storico Ricordi. Da queste lettere filtrano le preoccupazioni economiche, i duelli politici, i rapporti con le istituzioni e la rivoluzione nel mondo musicale portata dalla nuova legge sul diritto d'autore - commenta Patrizia Rebulla, responsabile del progetto "Le lettere di Casa Ricordi".
I brani che ascoltiamo in questa puntata sono "Le livre des sérénades: XI Sérénade venitienne" di Giulio Ricordi, nell'esecuzione di Gabriella Morelli e Giancarlo Simonacci (dal cd "Carnaval Vénitien. Music for piano 4 hands", Brilliant Classics) e ‘Vedi son io che piango' da "Manon Lescaut" di Giacomo Puccini, interpretata da Monserrat Caballè e Luciano Pavarotti, accompagnati dalla New Philharmonia Orchestra diretta da Bruno Bartoletti (cd Emi Classics).

Da non perdere

Noi per voi