L'idea di un'essere umano innestato con protesi meccaniche perfettamente integrate con la coscienza ha alimentato ogni tipo di racconto fantascientifico. Oggi però è possibile innestare un arto bionico che non solo agisce meccanicamente ma trasmette anche le sensazioni tattili a chi lo porta. Ciò apre nuovi orizzonti sulla ridefinizione dei limiti del corpo umano e sul futuro dell'integrazione uomo-macchina. Ne parliamo con Alberto Mazzoni, ricercatore all'Istituto di biorobotica della Scuola Sant'Anna di Pisa, esperto di robot impiantabili nel corpo umano.

Da non perdere

Noi per voi