MELOG - Il piacere del dubbio29/05/2018

Chi trama alle nostre spalle?

  • 0

L'antico spauracchio dei poteri occulti che manovrano il mondo ha trovato un terreno fertile nei social network, negli organi di stampa nell'immaginario comune. Si mormora lobby, trattati segreti, imperi economici, ideologie malvage trapelano negli incubi di moltissimi. Strategie mirate alla sopraffazione dei popoli, politica subordinata a interessi che non sono quelli del popolo, la diffusione di false notizie da parte giornalisti asserviti ai poteri forti. Religione, denaro, potere tutto messo assieme per sopraffare, schiavizzare, cancellare. Insomma se i poteri occulti sono occulti perché ne parlano tutti e tutti sembrano vederli ovunque? Come vi immaginate voi i poteri occulti? Signori con un cappuccio che vivono in un castello? Colletti bianchi dissimulati tra la gente comune? Grandi vecchi in abiti talari? Cinici affaristi in doppio petto?

Diamo le tre abituali categorie sul tema:
1 - Complottisti granburrattinisti. I gruppi di potere occulto esistono e sono identificabili. Siamo tutti marionette nelle mani di chi muove da sempre i fili dell'economia, della finanza e della politica mondiale.
2 - Complottisti mediatici. Non esistono i grandi vecchi con il cappuccio in testa ma sicuramente esiste un meccanismo di convincimento che passa per i media e non ci rende liberi nelle nostre scelte. Il sistema ci controlla attraverso la comunicazione e il consumismo.
3 - Complottisti fluidi. Il potere si organizza di volta in volta per agire nell'interesse dei più forti, non c'è una chiave nascosta per spiegare i flussi della storia leggibili e visibili a tutti. Chi crede ai complotti ama raccontarsi favole come le scie chimiche e i rettiliani tra noi.

Da non perdere

Noi per voi