MELOG - Il piacere del dubbio07/06/2021

Melog Home Edition: Piove, algoritmo ladro

Una ricerca effettuata dal Center for the Governance of Change di Madrid sul rapporto tra nuove tecnologie e politica...

  • 0

Una ricerca effettuata dal Center for the Governance of Change di Madrid sul rapporto tra nuove tecnologie e politica, svela che la maggioranza dei cittadini europei si è dichiarato favorevole alla sostituzione di parlamentari in carne ed ossa con algoritmi e sistemi di intelligenza artificiale, ritenuti evidentemente più affidabili degli umani, essendo incorruttibili ed orientati a prendere la decisione più opportuna per i cittadini senza condizionamenti.
Vogliamo sottoporre questa idea al nostro pubblico, partendo dall'ipotesi che con lo sviiluppo dell'intelligenza artificiale una cosa del genere in in futuro non troppo lontano sia fattibile.Tre possibili scelte:

1 - Sono assolutamente favorevole, le scelte degli algoritmi non sarebbero condizonate dall'ideologia, dagli interessi di parte, dalla corruzione e dal clientelarismo che affliggono il parlamento

2 - Un algoritmo non può sostituire la mente umana, ma in un paese in cui si fa fatica a creare un' app di pubblica utilità, sarebbe già auspicabile una decisa integrazione tra lavoro umano e l'intelligenza artificiale anche a costo di tagliare posti di lavoro.

3 - E' un'idea folle, le scelte in politica non si fanno solo su base a calcoli ma anche e soprattutto in base a principi etici che non possono essere determinati dagli algoritmi né oggi né mai.

Da non perdere

Ascolta anche

Noi per voi