In Giappone le donne hanno cominciato a protestare contro la consuetudine, che in realtà è un obbligo, di indossare i tacchi alti al lavoro, ritenuti insopportabili e fastidiosi.
La campagna antitacchi si chiama #KuToo (si pronuncia kutooo) e la petizione lanciata sul web ha raggiunto
20.000 firme in pochi giorni.
Vogliamo sapere se l'uso del tacco alto per le donne sia una consuetudine ormai da superare anche alle nostre latitudini. Quante donne non vedono l'ora di sfilarsi le scarpe con i tacchi alti?
Vediamo come si schierano i nostria scoltatori e ascoltatrici tra:
1 - Balleriniste antitacchiste - Inutile negarlo, i tacchi alti per le donne sono una tortura e fanno male
alla schiena, sarebbe ora che gli uomini ne prendessero atto in modo che le donne siano lasciate libere di sembrare meno slanciate.
2 - Tacchiste seduttrici - I tacchi rendono le donne più belle, e per questo esistono, il fastidio si può anche
sopportare, non è un dramma, visto che le donne ricorrono a ben più dolorose pratiche in nome dell'estetica.
3 - Tacchiste pariobbligazioniste. Se le donne devono sopportare il fardello dei i tacchi è giusto che anche gli uomini si adeguino indossando sempre la camicia e cravatta rinunciando a canotte mostra pelo e altre oscenità in nome della comodità.

Da non perdere

Ascolta anche

Noi per voi