Mangia come parli19/03/2022

Il Vulture

Oggi Pier Pardo e lo chef Oldani si avventurano sulle pendici di un vulcano spento, a nord della Basilicata...

  • 0

Oggi Pier Pardo e lo chef Oldani si avventurano sulle pendici di un vulcano spento, a nord della Basilicata: siamo nel Parco del Vulture, patria dell'Aglianico, di acque purissime e di una cucina contadina e genuina. Ma prima ci lanciamo in un'esplorazione di noi stessi e del nostro rapporto con il cibo, insieme al professor Raffaele Morelli , psicoterapeuta, direttore delle riviste Riza e autore di molti saggi che parlano anche di cibo in relazione alla psiche.

Il nostro viaggio nel Vulture parte da Lavello, piccolo comune nel Vulture Melfese dove si trova anche un'emanazione dello storico ristorante stellato della penisola Sorrentina, il "Don Alfonso 1890". Proprio qui nel Vulture la famiglia Iaccarino ha voluto portare la sua cucina e la sua filosofia al San Barbato Resort , affindandola al giovane chef Donato De Leonardis .

Da Lavello, prendiamo la Strada Statale 93 per arrivare a Melfi, il principale centro del Vulture dove ci accolgono i ragazzi dell'Istituto Alberghiero "Gasparrini" guidato dal preside  Carlo Massaro : la ricetta che ci proporranno è una Sfera di baccalà ai sapori del Vulture e fonduta di caciocavallo podolico.

Torna in presenza la rassegna "Olio Officina Festival" al Palazzo delle Stelline di Milano: il direttore della kermesse Luigi Caricato ci invita all'evento e ci dà qualche chicca sull'olio del Vulture DOP.

Inoltriamoci ancora nel Parco del Vulture passando da Rapolla, prendendo la Strada Stada Provinciale 110 Piano del Cerro che ci porta a Venosa, sede del Consorzio di Tutela Aglianico del Vulture , il prodotto che è il vero orgoglio di questa zona della Basilicata. Ce lo fa conoscere Rocco Grimolizzi , vice presidente del Consorzio e titolare della Cantina di Barile.

Infine la ricetta dello chef Oldani e i consigli di abbinamento di Manuele Pirovano, beverage manager del D'O.

Da non perdere

Ascolta anche

Noi per voi