Mangia come parli08/01/2022

La Valchiavenna

Meno famosa della sorella Valtellina, hanno in comune molto dal punto di vista enogastronomico...

  • 0

Meno famosa della sorella Valtellina, hanno in comune molto dal punto di vista enogastronomico, ma la Valchiavenna vanta delle particolarità tutte sue che meritano di essere approfondite con il viaggio di oggi di Mangia come parli. A proposito di viaggi, parliamo di uno che nella sua carriere televisiva ha percorso 18 milioni di chilometri in tutto il mondo: stiamo parlando di Osvaldo Bevilacqua che, con quarant'anni di "Sereno Variabile" detiene il titolo di conduzione ininterrotta di più lunga durata di uno stesso programma televisivo di tutti i tempi nel mondo. Messa da parte questa avventura, continua a girare il nostro Paese da Ambassador dell'Associazione "I Borghi più belli d'Italia" presieduta da Fiorello Primi.

Iniziamo il nostro itinerario valchiavvenasco da Madesimo: discreta, poco affollata e meno conosciuta di stazioni sciistiche più alla moda, Madesimo, ha pure una lunga storia legata agli sport invernali. Qui, ci accoglie Stefano Masanti, chef del ristorante stellato "Il Cantinone" .

Un breve excursus romano per fare tanti auguri all' Antica Pesa che compie cent'anni! La storica trattoria della famiglia Panella, oggi guidata dai fratelli Francesco e chef Simone, è stata fondata nel 1922 e, ancora oggi, è simbolo della tradizione culinaria della Capitale.

Da Madesimo, percorriamo verso sud la SS36 del Lago di Como e dello Spluga che costeggia il Fiume Liro e arriviamo a Chiavenna per scoprire la tradizione dei crotti chiavennaschi. Lo facciamo con Andrea Sorrenti, presidente della PRO Chiavenna che coordina ogni anno la Sagra dei crotti .

Sempre a Chiavenna, siamo ospiti degli studenti dell'Istituto professionale "Crotto Caurga" del preside Massimo Minnai: ascoltiamo con lui la ricetta delle Costine al Lavecc.

Da non perdere

Ascolta anche

Noi per voi