Nessun luogo è lontano23/09/2021

Afghanistan tra diplomazia, bambole e i pupazzi. E poi il ruolo di Qatar e Turchia

Siamo tornati in Afghanistan per capire se davvero aprire l'Assemblea Generale dell'ONU ai rappresentanti dei Talebani...

  • 0

Siamo tornati in Afghanistan per capire se davvero aprire l'Assemblea Generale dell'ONU ai rappresentanti dei Talebani possa essere una via verso la normalizzazione, ma vi abbiamo anche raccontato la storia di Masoumeh Mohammadi, che aveva avviato un'attività di produzione di bambole a Kabul ma ora deve chiudere tutto, perché i Talebani non le consentiranno di lavorare. Infine abbiamo viaggiato tra Qatar e Turchia per capire l'influenza di questi due potenti attori sull'Afghanistan dei Taliban.
Sono stati con noi: Vittorio Emanuele Parsi (professore ordinario di Relazioni Internazionali presso l'Università Cattolica di Milano e direttore dell'ASERI, Alta Scuola di Economia e Relazioni Internazionali), Masoumeh Mohammadi (imprenditrice e artigiana a Kabul), ambasciatore Armando Sanguini (consigliere scientifico di ISPI, già a capo di diverse missioni diplomatiche tra cui Cile, Tunisia e Arabia Saudita, esperto della regione del Golfo), Omer Ozkizilcik (analista del think tank turco SETA con sede ad Ankara).

Da non perdere

Ascolta anche

Noi per voi