Linee d'ombra 06/09/2019

L'accidia. Un eterno rinvio e una stanza buia come rifugio

  • 0

Ernesto è un ragazzo calmo, come si definisce lui stesso, e il servizio militare, per lui, è solo una perdita di tempo. Così, anno dopo anno, riesce a rinviare la partenza. Ma un giorno arriva la famosa e temuta cartolina: che cosa è successo?
La storia dal mondo è quella di Alessandro, un adolescente a disagio che trova rifugio nella sua stanza buia, dove si rinchiude a video giocare per ore, isolandosi da tutti. E' un così detto hikikomori, un fenomeno nato in Giappone e diffusosi anche in Italia in tempi recenti. Si tratta di pigrizia, inerzia, abbandono? O c'è qualche motivazione più profonda? Lo chiediamo a Marco Crepaldi, autore del libro "Hikikomori. I giovani che non escono di casa" Ed. Alpes, e fondatore di Hikikomori Italia.
Prosegue la serie dedicata alla lussuria.

Da non perdere

Ascolta anche

Noi per voi