La Zanzara06/10/2022

La Zanzara del 6 ottobre 2022

Il ritardo che accumula la trasmissione precedente è ormai irrecuperabile...

  • 0

Il ritardo che accumula la trasmissione precedente è ormai irrecuperabile. Per questo Cruciani attacca il Vicedirettore Esecutivo e dichiara di prendersi due minuti sul giornale radio.

Ritorna Parenzo e nel decimo giorno dal ritorno del fascismo dichiara: "Le mosse della Meloni mi piacciono, è diventata draghiana". Come si cambia.

Ermenegildo da Roma attacca Alessia Piperno, in carcere in Iran. "Se l'è cercata!" Poi dà dell'omosessuale a Ivan Zazzaroni.

Il fascista Gianfranco da Torino, in stato d'ebrezza, dichiara di volere cacciare tutti dai rom agli arabi. Gli omosessuali? No perchè tanto sono italiani e non puoi farci niente.

La Zanzara è la trasmissione ufficiale della "Corsa delle Lumache". Carlo Pedrazzini, presidente di Pizzighettone Fiere, porta negli studi della Radio della Confindustria la pista e le lumache. Parte una velocissima corsa nel mondo di questi animali che sono ermafroditi. Intervengono pure Paolo Mocavero e Riccardo Vecchi (Urlo di Tato) "È sfruttamento".


Mario Adinolfi dopo la disfatta elettorale attacca Zelensky: "Il nobel per la pace a lui? Una offesa al mondo". Poi afferma che la Russia senza Putin sarebbe pericolosissima.

Vittorio da Roma odia Dugin e pure la figlia morta. Poi non si scusa neanche con i camionisti. Sempre il solito.

Il viceayatollah Mostafa Milani Amin, in diretta dall'Iran, dice che è l'arresto della Piperno è normale e non bisogna parlarne.

La sessuologa reazionaria Francesca Bocchi è contraria alla pillola del giorno dopo e si scontra con Parenzo.

Da non perdere

Noi per voi