Oggi che in Italia e in Europa il fenomeno dell'accoglienza di milioni di migranti ha assunto ormai i contorni di una questione politico/sociale di prim'ordine, tanto da alimentare un po' ovunque sentimenti xenofobi e ritorni a chiusure nazionalistiche, vale la pena di tornare ad affrontare il fenomeno dal puto di vista economico. Lo facciamo andando indietro nei decenni, quando erano gli italiani ad emigrare verso Svizzera, Germania, Belgio e America Latina e incontravano le stesse difficoltà di integrazione che incontrano oggi gli extracomunitari che entrano nel nostro paese. Ne parliamo con Enrico Franzina, docente di storia contemporanea all'Università di Verona.

Da non perdere

Noi per voi