Italia a 45 giri 24/08/2019

Da "Contessa" a "L'anno che verrà"

  • 0

Quarto appuntamento con la storia d'Italia raccontata attraverso le canzoni. Dall'"autunno caldo" del 1969 al nuovo Statuto dei lavoratori, cresce costantemente il numero di operai che coniugano la maggiore presenza nel mondo della produzione con un accentuato protagonismo politico. Ci sono canzoni "manifesto", come "Contessa", e canzoni controcorrente, come "Chi non lavora non fa l'amore", che vince il Sanremo 1970: l'inno della moderazione italiana.
Nel 1978, il rapimento e l'uccisione del segretario della Dc, Aldo Moro, sono la manifestazione più estrema e più clamorosa di un fenomeno che attraversa in maniera drammatica la storia d'Italia del decennio 1970-1980. In una fase di acuta crisi sociale e di instabilità politica, sia a destra che a sinistra si aprono due fronti, caratterizzati dall'uso della violenza terroristica come unica linea strategica. Ma le cambieranno: dalla paura per l'anno appena trascorso, c'è per Lucio Dalla la certezza che l'anno a venire sarà migliore. È una favola, un atto di fiducia.

Da non perdere

Ascolta anche

Noi per voi