Focus economia09/07/2019

Il valore economico del sistema calcio - Ancora tensioni nel Governo sull'autonomia - Ilva, il contratto che blinda Arcelor

  • 0

Oggi a Focus Economia: L'impatto socio-economico del calcio in Italia ha superato i 3 miliardi di euro nella stagione 2017-2018. Il dato emerge da 'ReportCalcio', lo studio della Figc realizzato in collaborazione con Arel e PwC presentato in Senato. La cifra prende in considerazione l'indotto economico (742,1 milioni di contributo diretto all'economia nazionale), sanitario (1.215,5 milioni di risparmio della spesa sanitaria derivante dalla pratica calcistica) e sociale (1.051,4 milioni di risparmio economico generato dai benefici prodotti a livello sociale) del 'sistema calcio' in Italia - Borsa dubbiosa sul maxipiano di risanamento annunciato da Deutsche Bank dopo una trimestrale in rosso per quasi 2,8 miliardi, ennesimo bilancio in perdita - Matteo Salvini in pressing sull'alleato Luigi Di Maio e sul premier Giuseppe Conte su tre fronti: manovra, autonomie e migranti. Sulla manovra, in particolare, lo scontro tra il leader della Lega, che annuncia un incontro per lunedi' prossimo con i principali operatori economici del Paese, e il premier, e' aspro. Tre ore di vertice di governo a palazzo Chigi non hanno sciolto i nodi sulla questione dell'Autonomia. Il ministro dell'Interno ha intanto firmato una nuova direttiva sulle scorte: 49 dispositivi in meno, 203 agenti assegnati ad altri servizi e un taglio di auto blindate - Al Mise: incontro tra il Ministro del lavoro Luigi Di Maio e i sindacati sull'attuazione dell'accordo del 6 settembre 2018 e sulla collocazione in cassa integrazione di 1.400 dipendenti per 13 settimane da parte di ArcelorMittal, i cui responsabili hanno incontrato il ministro nei giorni scorsi per esaminare i possibili rimedi alla situazione creata dall'emendamento introdotto nel Decreto crescita a proposito dell'abolizione dell'immunità per fatti precedenti. È noto, del resto, che la nuova norma era stata considerata dai vertici aziendali subentrati dopo un percorso travagliato nella proprietà dell'acciaieria, come la ritrattazione di un impegno sostanziale, tanto che il suo venir meno aveva provocato la minaccia di chiudere lo stabilimento a partire dal 1° settembre. Ospiti Gianni Trovati, Marco Bellinazzo, Luca Davi e Paolo Bricco de Il Sole 24 Ore. Spazio al commento della giornata di Borsa.

Da non perdere

Noi per voi