Focus economia19/05/2021

I vaccini, dalla vicenda Reithera alle somministrazioni in vacanza

La Corte dei conti ha bloccato martedì 11 maggio i finanziamenti pubblici di 50 milioni a ReiThera, che erano stati faticosamente promessi a febbraio del 2021...

  • 0

La Corte dei conti ha bloccato martedì 11 maggio i finanziamenti pubblici di 50 milioni a ReiThera, che erano stati faticosamente promessi a febbraio del 2021. Il parere della Corte dei Conti mette in difficoltà la sperimentazione del vaccino italiano, che senza aver mai ricevuto un fondo pubblico e avendo investito 12 milioni presi dai suoi bilanci rischia di non poter affrontare la fase tre delle sperimentazioni, quella finale, condizione necessaria per ricevere l'autorizzazione all'uso. La società ha comunque fatto sapere che cercherà fonti di finanziamento alternative.

Big Pharma
Integrare meglio le politiche della salute con quelle economiche. Rafforzare la collaborazione tra pubblico e privati, così come tra diversi Paesi. Potenziare il dialogo tra imprese e istituzioni sanitarie. A tracciare le direttrici dello sviluppo della Life Sciences nel post pandemia è stata la tavola rotonda "Scienza, salute, innovazione: una prospettiva di sostenibilità oltre la crisi". L'incontro, organizzato dall'Ambasciata di Svizzera in Italia, ha messo a confronto istituzioni, industria e mondo accademico in vista di una serie di appuntamenti dedicati alle grandi sfide globali, come il G20, il Global Health Summit, il COP26 e la World Health Assembly.

La corsa del petrolio e delle materie prime

L'Occidente si vaccina dal Covid e subito i consumi di petrolio tornano a correre, rilanciando il Brent che ieri è arrivato sopra quota 70 dollari al barile.
Il mercato ha accompagnato così la svolta verde dell'Agenzia internazionale dell'energia (Aie), che ieri nel definire la Roadmap per la decarbonizzazione si è spinta fino a raccomandare lo stop immediato di ogni investimento su nuove risorse di idrocarburi: una presa di posizione estrema e sorprendente da parte di un organismo che era nato con lo scopo e il mandato di evitare carenze di greggio. Nell ultimo rapporto mensile sul mercato petrolifero l Aie pochi giorni fa affermava che la domanda petrolifera è sul punto di «spiccare il volo» con la ripresa della mobilità, per riportarsi a fine anno intorno a 100 milioni di barili al giorno, come prima del Covid. L enorme eccesso di scorte accumulate a causa del Covid nel frattempo è già sparito fin dal mese da aprile nei Paesi Ocse.

Ospiti: Marzio Bartoloni, Il Sole 24 Ore, Pasquale Frega, AD Novartis in Italia e pres Eunipharma, società farmaceutiche europee e giapponesi di Farmindustria, Sissi Bellomo, Il Sole 24 Ore.

Da non perdere

Ascolta anche

Noi per voi