Focus economia12/10/2021

Il turismo dopo il Covid

Il 2021 si chiuderà per le strutture ricettive italiane in forte perdita rispetto al 2019, con una perdita di 9,5 miliardi di fatturato...

  • 0

Laguna di Venezia

Il 2021 si chiuderà per le strutture ricettive italiane in forte perdita rispetto al 2019, con una perdita di 9,5 miliardi di fatturato. E' quanto stima Federalberghi. "A questo punto dell'anno - afferma il presidente Bernabò Bocca - si può iniziare a stilare un preconsuntivo e la matematica ci dice che purtroppo per le aziende turistico ricettive il 2021 si chiuderà con una perdita consistente, che si può stimare in almeno 165 milioni di pernottamenti e 9,5 miliardi di fatturato". Infatti, da gennaio a settembre 2021 le presenze negli esercizi ricettivi sono diminuite del 40,5% rispetto al corrispondente periodo del 2019, a seguito della diminuzione delle presenze dei turisti stranieri del 62,2% e del calo delle presenze dei turisti italiani del 18,5%, secondo quanto rileva il Centro studi di Federalberghi.

Green pass in arrivo
Arrivano le indicazioni del Governo per controllare il possesso del Green pass sui luoghi di lavoro, con controlli automatici sia nella Pa sia nel privato. In entrambi i casi, infatti, viene messa a disposizione dei datori di lavoro una app per la verifica quotidiana e automatizzata. È quanto prevede la bozza di Dpcm (su proposta del ministero della Salute, dell Economia e dell innovazione tecnologica) che regola il controllo della certificazione verde in tutti i luoghi di lavoro. Intanto, su proposta del Ministro della pubblica amministrazione, Renato Brunetta, e del Ministro della salute, Roberto Speranza, il presidente del Consiglio ha firmato il dpcm con le linee guida relative all obbligo di possesso e di esibizione della certificazione verde COVID-19 da parte del personale delle pubbliche.

Ospiti: Marina Lalli, Presidente Federturismo Confindustria, Corrado Peraboni, a.d. di IEG (Italian Exhibition Group)

Da non perdere

Ascolta anche

Noi per voi