Focus economia31/03/2021

L'assegno unico per i figli è legge

L' assegno unico e universale diventa legge con il via libera del Senato...

  • 0

L' assegno unico e universale diventa legge con il via libera del Senato che ha approvato ieri in via definitiva il disegno di legge delega che lo istituisce. Il disco verde sul testo già approvato dalla Camera il 21 luglio 2020, è arrivato sostanzialmente all'unanimità con 227 sì, nessun voto contrario e 4 astenuti.
Si tratta di un provvedimento che fa parte del Family Act e consiste, a partire da luglio, in una quota media mensile di circa 250 euro che verrà data a ciascun figlio, dal settimo mese di gravidanza fino ai 21 anni di età (se studente o disoccupato). La delega prevede un credito d'imposta o assegno mensile che andrà a tutte le famiglie, compresi incapienti e partite Iva, adesso esclusi da gran parte dei sostegni per i figli. L'assegno unico si chiama così perché sostituisce e unifica una serie di misure indirizzate finora alle famiglie: dagli assegni familiari, alle detrazioni per i figli a carico, dal bonus bebè agli sgravi per le famiglie numerose.

Il debutto in borsa di Deliveroo
Debutto da brividi per Deliveroo alla Borsa di Londra. I titoli del colosso del cibo a domicilio sono arrivati a perdere il 30% nelle prime battute della seduta rispetto al prezzo di collocamento (3,9 sterline), che già era stato fissato al limite inferiore del range di prezzo deciso in sede di Ipo. Il collocamento di Deliveroo ha raccolto 1,5 miliardi di sterline, per una capitalizzazione di Borsa di 7,59 miliardi. A preoccupare gli investitori è la struttura dell'azionariato, composta da due classi di azioni, e i dubbi sul trattamento dei lavoratori, che rendono un investimento nella società incompatibile con i principi di sostenibilità che sempre più operatori si impegnano a rispettare.

Come sarà il lavoro agile post covid?
Lo smart working verrà utilizzato da più della metà delle aziende, il 54%, in maniera sostanzialmente permanente.
Cambierà anche la settimana lavorativa ideale: non più interamente (o quasi) da casa ma si preferirà spezzarla in due: 2,6 giorni in presenza, i restanti 2,4 a distanza, anche per recuperare rapporti sociali e interazione fisica col proprio gruppo di lavoro, aspetti che sono mancati maggiormente nei mesi di lockdown. A tratteggiare lo scenario del lavoro agile post pandemia è uno studio realizzato da Fondirigenti (il più importante fondo interprofessionale per la formazione dei manager, promosso da Confindustria e Federmanager) che ha sondato con il "Quick survey smart working 2.0" le sue 14mila aziende aderenti.

Il grande piano Usa
Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden presenterà oggi un piano per investire 2.000 miliardi di dollari in otto anni in infrastrutture nazionali con un focus sui trasporti. Lo ha detto un funzionario della Casa Bianca. Il piano, che Biden presenterà il piano durante un discorso a Pittsburgh, prevede un budget di 620 miliardi di dollari per modernizzare la rete di trasporti del paese, oltre 32.000 chilometri di strade e autostrade. Il piano "creerà milioni di posti di lavoro ben retribuiti, ricostruirà le infrastrutture del nostro paese e posizionerà gli Stati Uniti davanti alla Cina", ha detto il funzionario.

OSPITI: Alessandro Rosina, demografo Università Cattolica Milano, Simone Filippetti, Il Sole 24 Ore, Pierangelo Albini, direttore area lavoro e welfare di Confindustria, vice presidente di Fondirigenti, Marco Valsania, Sole 24 Ore NY.

Da non perdere

Ascolta anche

Noi per voi