Focus economia22/06/2020

Verso una riduzione dell'Iva?

  • 0

Abbassare l'Iva per far ripartire i consumi. Spunta anche questa ipotesi tra le misure che potrebbero rientrare nel progetto di rilancio che ha preso forma nel corso degli Stati generali dell'economia e che il Governo si prepara a mettere in campo nei prossimi mesi. L'annuncio lo ha fatto lo stesso presidente del Consiglio Giuseppe Conte parlando con alcuni cittadini ricevuti sabato a Villa Pamphili: la misura, ha però poi precisato nella conferenza stampa conclusiva, è al momento solo un'ipotesi, anche perché si tratta di una misura "costosa".

Dietro la notizia
Il titolo Lufthansa crolla in Borsa del 5,7%, dopo che l'amministratore delegato Carsten Spohr ha dichiarato che la compagnia avrebbe cercato di evitare il fallimento e l'insolvenza ingaggiando una 'battaglia' con il maggiore azionista della compagnia aerea per i termini di un piano di salvataggio da 9 miliardi di euro. Il dito è puntato su Hermann Thiele, magnate tedesco che durante la pandemia ha acquistato a prezzi di saldo un cospicuo pacchetto di azioni che lo ha portato al primo posto tra gli azionisti: Thiele si è infatti dichiarato contrario ad una partecipazione dello Stato (salvatore della compagnia con una iniezione di 9 miliardi di euro) nell'azionariato.

Dal 1 luglio un'Italia con meno contante?
Dal prossimo 1 luglio si abbasserà da 3mila a 2mila euro la soglia a partire dal quale è vietato trasferire denaro contante. L'abbassamento era stato già programmato con l'ultima legge di bilancio, in cui c'è anche un ulteriore ribasso a mille euro dal 2022. È il quinto cambiamento del limite in dieci anni.
Sempre dal 1 luglio diventerà operativo il credito di imposta del 30% sulle commissioni pagate dai negozianti per l'utilizzo dei Pos.
Il bonus fiscale interviene per alleviare uno dei punti critici da sempre denunciati dagli esercenti: il costo per l'utilizzo della moneta elettronica. A seconda dei casi, l'incidenza varia da zero virgola ad alcuni punti percentuali (2-3%, anche in base all'importo della transazione), ma oltre il costo vanno valutati anche i tempi di accredito. Uno dei punti critici della nuova normativa è che tuttavia non c'è nessuna sanzione per negozianti e professionisti che non hanno o che si rifiutano di usare il Pos.

Ospiti: Mariano Bella, direttore Ufficio studi Confcommercio, Alessandro Plateroti, editorialista del Sole 24 Ore, Giovanni Parente, Il Sole 24 Ore.

Da non perdere

Ascolta anche

Noi per voi