Focus economia13/07/2020

Il tour diplomatico di Conte in vista del Consiglio europeo

  • 0

Giuseppe Conte è pronto alla svolta: oggi, nel chiuso del castello Meseberg, farà capire ad Angela Merkel che l'Italia è pronta a rinunciare a qualche miliardo europeo. A patto che il Recovery Fund non venga zavorrato da condizionalità tali da renderlo inefficace. La linea del presidente del Consiglio è maturata nel fine settimana dopo l'incontro col premier olandese Rutte, quando ha realizzato che impuntarsi sul totem dei 750 miliardi avrebbe esposto Roma ad alti rischi di ingerenza esterna dei rigoristi del Nord sulle riforme per accedere ai fondi dell'Unione. Conte incontrerà poi Macron direttamente a Bruxelles alla vigilia del Consiglio europeo del 17-18 luglio.
- Ore decisive per il dossier Autostrade
Sabato il cda di Aspi ha inviato al Governo la sua proposta per scongiurare una revoca delle concessioni, che sarà esaminata in Consiglio dei ministri martedì.
Un piano da 3,4 mld di oneri per la ricostruzione, manutenzioni e riduzione tariffaria direttamente legati alla tragedia del Ponte Morandi. Cui si sommano la conferma di investimenti per 14,5 mld e altri 7 mld di manutenzioni programmate nell'arco della concessione. A ciò si aggiunge, la revisione delle regole dei pedaggi prevedendo un modello sulla linea di quanto prescritto dall'Autorità dei trasporti.
OSPITI: Adriana Cerretelli, editorialista del Sole 24 Ore, Carlo Scarpa, docente economia politica università di Brescia, autore la voce.info, Laura Galvagni, Sole 24 Ore.

Da non perdere

Ascolta anche

Noi per voi