Focus economia12/08/2020

Pensioni, fuga da quota 100

  • 0

Secondo dati raccolti dal Sole 24ore la possibilità di andare in pensione anticipata con la cosiddetta quota 100, non piace più agli italiani. A giugno meno di un terzo delle domande rispetto all'anno scorso.
Si tratta del minimo assoluto.
La somma di 62 anni di età e 38 di contributi, quota 100, con relative decurtazione però sull'ammontare complessivo dell'assegno pensionistico a fronte di una quiescenza anticipata, potrebbe oggi generare incertezze, percezione di un calo di reddito a fronte di una fase in ci si naviga a vista. Le domande sono state 47.810. Le minori richieste farebbero risparmiare all'Inps circa 3 miliardi, secondo le proiezioni dell'ufficio studi della Cgil.
- Aperture sì, no, forse:
Nel Dl agosto che resterà valido fino al 7 settembre 2020, prorogate le misure precauzionali ormai in vigore da mesi: distanziamento sociale di almeno un metro, lavaggio delle mani, divieto di assembramento etc.
Confermato il divieto di ingresso in Italia per chi arriva da una serie di Paesi.
Ancora lontana la riapertura totale degli stadi, mentre a partire dal 1 settembre sarà consentita la partecipazione del pubblico a singoli eventi sportivi di minore entità, che non superino il numero massimo di 1000 spettatori per gli stadi all'aperto e di 200 spettatori per impianti sportivi al chiuso, il tutto ovviamente solo negli impianti sportivi dove sia possibile assicurare la prenotazione e assegnazione preventiva del posto a sedere, con adeguati volumi e ricambi d aria, nel rispetto del distanziamento interpersonale, sia frontalmente che lateralmente, di almeno 1 metro con obbligo di misurazione della temperatura all'accesso e utilizzo della mascherina a protezione delle vie respiratorie. Questo l'indirizzo di massima, saranno poi ovviamente le regioni a valutare la necessità di specifici protocolli di sicurezza.
- Scadenze fiscali:
Le proroghe concesse dal Governo, a seguito dell'emergenza Covid-19, costituiscono un ginepraio difficilmente comprensibile, che mette a rischio la corretta individuazione delle scadenze.
Per i contribuenti Isa e soggetti "collegati", scade giovedì 20 agosto il termine per versare il saldo delle imposte sui redditi, dell'Irap e dei contributi per il 2019 e la prima rata di acconto per il 2020, con lo 0,40% in più. Questa scadenza riguarda i contribuenti Isa che non hanno eseguito i pagamenti entro il 20 luglio 2020, a seguito della mini proroga disposta dal decreto del Presidenza del consiglio dei ministri del 27 giugno 2020, che ha differito al 20 luglio i versamenti in scadenza il 30 giugno, e, di conseguenza, la scadenza del 30 luglio, con lo 0,40% in più, si è allungata al 20 agosto.
- Gb: prima recessione dal 2008:
Regno Unito maglia nera d'Europa nel secondo trimestre dell'anno. Il Pil, salito a giugno dell'8,7%, è sceso del 20,4% nell'intero periodo, evidenziando comunque un calo inferiore alle stime degli analisti (-20,5%). Su base annua l'arretramento è stato del 21,7%, anche se gli analisti si aspettavano di peggio (-22,4%). Con i dati del Pil del secondo trimestre che ha segnato un calo del 20,4% sull'onda delle misure di lockdown per contrastare l'epidemia di coronavirus il Regno Unito è entrato ufficialmente in recessione . E' la flessione trimestrale più forte da quando il governo ha cominciato a raccogliere questi dati in modo sistematico nel 1955.
OSPITI: Davide Colombo, Sole 24 Ore, Avv. Valerio Vallefuoco, esperto Sole 24 Ore, Giovanni Parente, Sole 24 Ore, Nicol degli Innocenti, Sole 24 Ore Londra.

Da non perdere

Noi per voi