Focus economia05/01/2021

A che punto siamo con il Recovery plan

  • 0

Prosegue ancora in queste ore il lavoro sulla nuova bozza di Recovery plan che dovrebbe recepire alcune delle proposte dei partiti della maggioranza: l'obiettivo è chiudere il testo in giornata, per poi dare il via all'ultimo confronto politico prima del Consiglio dei ministri, che si ipotizza di convocare entro l'8 gennaio. Il numero fondamentale, quello che misura il rapporto fra prestiti aggiuntivi (che producono deficit aggiuntivo) e prestiti sostitutivi di finanziamenti nazionali già previsti nei tendenziali (senza deficit e con una limatura alla spesa per interessi), però non cambia nella sostanza rispetto all'ultima bozza. Ma il punto che in queste settimane è stato più oggetto di discussione ha riguardato la governance di queste risorse. Proprio su questo si è tenuto ieri un confronto ad alto livello organizzato da Assonime e dalla Fondazione Ugo La Malfa, che hanno redatto due rispettivi progetti di governance del Piano, con conclusioni diverse ma anche con molti punti di contatto.

L'alleanza tra industrie e governi che ha creato il vaccino

Sono stati pubblicati oggi i dati della fase uno della sperimentazione del vaccino dell'azienda italiana ReiThera. Ma per la fase due e la fase tre delle sperimentazioni serviranno altri sei mesi. Secondo i dati Oms al momento esistono 60 vaccini in sviluppo clinico e 172 in sviluppo ancora pre-clinico. In mezzo a questa pletora di sperimentazioni, solo alcuni sono già arrivati alla fase finale, quella dell'autorizzazione da parte delle agenzie del farmaco di tutto il mondo.Per esempio, in Unione Europea al momento l'unico vaccino autorizzato per il commercio dall'Ema (European Medicines Agency) è quello di Pfizer-Biontech. Negli Stati Uniti, la Fda (la corrispondente americana della nostra Ema) ha autorizzato oltre al vaccino di Pfizer-Biontech anche quello di Moderna, la cui autorizzazione dal parte dell'Ema è attesa però domani. Cerchiamo di capire l'impegno economico della ricerca dal punto di vista dell'industria farmaceutica.

Ospiti: Dino Pesole, editorialista del Sole 24 Ore, Pasquale Frega, Presidente e AD di Novartis Italia e vice presidente di Farmindustria

Da non perdere

Ascolta anche

Noi per voi