La presenza dello Stato a fianco di ArcelorMittal è l'elemento che potrebbe sbloccare la trattativa sull'ex Ilva in vista dell incontro di venerdì a Palazzo Chigi tra il premier Conte e Lakshimi Mittal. Dopo le iniziali resistenze del ministero dell Economia, negli ultimi giorni il vento è cambiato. Prima un faccia a faccia nel fine settimana tra il ministro Roberto Gualtieri e l Ad di Arcelor, Lucia Morselli. Poi, lunedì, il colloquio della manager e di Mittal jr con il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli. In entrambe le occasioni la multinazionale avrebbe posto come punto fondamentale del negoziato la partecipazione pubblica (di minoranza, come quota di presidio ) in una newco dalla quale separare una parte dei lavoratori, che nella proposta dell'azienda dovrebbe passare sotto la gestione dell amministrazione straordinaria. Una sorta di bad company.
- Alitalia
Atlantia prende ancora tempo e IERI ha dichiarato ufficialmente che "allo stato non si sono ancora realizzate le condizioni necessarie per l'adesione della societa' al consorzio finalizzato alla presentazione di un'eventuale offerta vincolante su Alitalia".
La data del 21 novembre non sara' dunque, ancora una volta, l'ultima utile per dar vita alla cordata in grado di rilevare la compagnia.
Le condizioni che Atlantia non giudica sufficienti per presentare l'offerta sono quelle note: sul tavolo ad oggi c'e' solo l'impegno di Delta per rilevare - accanto a Fs, alla stessa Atlantia e al ministero dell'Economia - il 10% del capitale, con un investimento di 100 milioni.
- Fondo salva stati
Si terra' venerdi' il vertice di maggioranza chiesto dai parlamentari del M5s sulla riforma del Mes, il meccanismo di stabilizzazione finanziaria d'Europa. A quanto si apprende alla riunione parteciperanno il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri.
OSPITI: Domenico Palmiotti, Sole 24 Ore, Gianni Dragoni, Sole 24 Ore, Gianni Trovati, Sole 24 Ore.

Da non perdere

Noi per voi