Focus economia25/01/2022

Non c'è accordo sulla tassonomia energetica europea

Non piace ai paesi europei la bozza di atto delegato complementare per la classificazione di sostenibilità di gas e nucleare..

  • 0

Non piace ai paesi europei la bozza di atto delegato complementare per la classificazione di sostenibilità di gas e nucleare, quella diffusa il 31 dicembre dalla Commissione europea per la consultazione. La pronuncia era prevista nella riunione di mercoledì 26 gennaio, ma a questo punto slitterà sicuramente almeno di una settimana, al primo collegio di febbraio.
Il percorso del provvedimento si fa dunque sempre più contorto: se a parole tutti concordano entusiasticamente sull'obiettivo di neutralità climatica al 2050 fissato da Bruxelles, troppe sono le distanze nelle posizioni di partenza per riuscire a individuare una linea condivisa che consenta di centrare l'obiettivo. Di fronte ad un dossier che sta diventando sempre più ingestibile (a complicare il quadro ci si è messa anche l'escalation in Ucraina e la coincidenza non aiuta visto che le decisioni su sanzioni e aiuti Ue passano sempre dalla presidente) per la Commissione è diventato inevitabile prendere più tempo, nella speranza di trovare il bandolo della matassa.
Sembra di essere di fronte a una realtà distopica: mentre in Europa manca il gas, la Commissione europea pensa alla tassonomia.

Ita: Msc e Lufthansa puntano a maggioranza
Il gruppo delle spedizioni e logistica Msc e il colosso dei cieli Lufthansa uniscono le forze per rilevare la maggioranza di Ita Airways. Le due società hanno presentato una manifestazione di interesse, chiedendo un periodo di esclusiva di 90 giorni. Una mossa che ora dovrà passare al vaglio del Tesoro, azionista al 100%, per poi essere esaminata da un prossimo cda dell'aviolinea. Ad ufficializzare la decisione delle due società è stata Msc, che in una nota ha svelato le carte, annunciando di aver manifestato al Governo italiano il proprio interesse ad acquisire una quota di maggioranza in Ita Airways: l'obiettivo è quello "di realizzare una partnership con il Governo italiano e la compagnia Lufthansa come partner industriale del progetto", spiega il gruppo svizzero gestito dalla famiglia Aponte, facendo sapere anche che Lufthansa ha già manifestato il suo interesse a prendere parte all'iniziativa.

Ospiti: Giuseppe Chiellino, Il Sole 24 Ore, Gianni Dragoni, Sole 24 Ore.

Da non perdere

Ascolta anche

Noi per voi