Focus economia12/04/2021

Come cambia il piano vaccini

Priorità gli ultraottantenni per i quali si guarda a una messa in sicurezza...

  • 0

Priorità gli ultraottantenni per i quali si guarda a una messa in sicurezza entro aprile. Spazio poi alle persone con elevata fragilità, familiari conviventi e i caregiver e subito dopo i 70-79 anni e tra 60-69 anni, a cui va prevalentemente il vaccino Astrazeneca. Accanto a loro, in parallelo, va terminata la vaccinazione dei sanitari, ma solo quelli «in prima linea nella diagnosi, nel trattamento e nella cura» della malattia e coloro che operano in presenza presso strutture sanitarie e sociosanitarie pubbliche e private. I criteri ridisegnati dal commissario per l'Emergenza Figliuolo bloccano la vaccinazione del personale scolastico, delle forze armate e delle forze di polizia, tranne che per chi ha avuto la prima dose che potrà completare il ciclo. Stop anche alle somministrazioni nelle carceri, salvo over 60 o fragili. Stop, per ora, al programma per rendere le isole Covid free.

Covid e vaccini, Regioni in ordine sparso
Durante la gestione della pandemia erano già emersi i limiti di avere sistemi sanitari affidati alle Regioni e la conferma si è avuta anche dall'inizio della campagna vaccinale. Com'è possibile che il Molise, regione oggi più virtuosa nella somministrazione delle dosi, abbia somministrato dosi (tra prima e seconda) pari al 27,21% della popolazione residente, dieci punti percentuali in più rispetto alla Calabria, ultima in classifica con il 17,75%.
Queste differenze emergono anche quando si va a vedere la distribuzione per classe di età: la Provincia autonoma di Trento ha somministrato la prima dose all'86% degli over-80 e la Sicilia al 45,4%. Le Regioni procedono in ordine sparso, nonostante più volte il governo abbia fatto appello all'unità.

Imprese che si rimboccano le maniche
Il caso di oggi è Tabui è un'applicazione per la scoperta turistica del territorio. Tramite la realtà aumentata e la geolocalizzazione consente di scoprire tutti i punti di interesse del territorio che si vuole visitare.

Dietro la notizia
Di ieri sera è la notizia dell'acquisizione della statunitense Luminex da parte dell'azienda italiana della diagnostica Diasorin, per un valore complessivo di 1,8 miliardi di dollari. Luminex sviluppa, produce e vende tecnologie proprietarie e prodotti per esami biologici con varie applicazioni nei settori della diagnostica e del life science. L'operazione verrà finanziata attraverso un mix di cassa e debito: al riguardo, DiaSorin ha firmato una linea con un sindacato di banche che prevede un term loan di 1,1 miliardi di dollari con scadenza nel 2026 e un bridge loan di altri 500 milioni con scadenza entro 12 mesi. A seguito dell'operazione il leverage ratio è stimato in circa 2,5 volte. Il closing è atteso entro il terzo trimestre dell anno. Oggi c'è stata anche la notizia dell'acquisizione di Nuance da parte di Microsoft, per un valore di 19,7 miliardi di dollari.

Ospiti: Marzio Bartoloni, Sole 24 Ore, Gilberto Turati, docente di Scienze delle Finanze Università Cattolica del Sacro Cuore, Giorgio Proglio, amministratore delegato di Tabui, Alessandro Plateroti, editorialista Sole 24 Ore.

Da non perdere

Noi per voi