Il falco e il gabbiano05/04/2016

Klaus Nomi, il fenomeno venuto da un altro pianeta

  • 0

Per mantenersi, a inizio carriera, faceva il pasticcere, eppure una volta sul palco con la sua voce e le sue esibizioni Klaus Nomi incantava il pubblico. E non un pubblico qualunque: tra i suoi fan anche David Bowie, Andy Warhol, i Ramones, Basquiat e i Blondie. Un artista originale, un performer, uno che sperimentava sempre: dalla musica alla scena, dove si presentava truccato di bianco come una maschera del teatro giapponese. Klaus Nomi ha influenzato l'ambiente artistico newyorchese degli anni '70 e i primi anni '80 e in seguito diversi stilisti si sono ispirati ai suoi abiti di scena per le loro collezioni. Ma Klaus Nomi, considerato l'avanguardia dell'avanguardia, è stato anche una delle prime vittime "illustri" dell'Aids. Morto prima di arrivare all'apice della carriera, avrebbe potuto diventare uno dei protagonisti della scena musicale mondiale.

Ospite: Giovanni Cervi, curatore

A cura di Francesca Del Rosso

Playlist:
After the Fall - Klaus Nomi
Can't Help Falling In Love - Klaus Nomi
You Don't Own Me - Klaus Nomi
Simple Man - Klaus Nomi
Keys of Life - Klaus Nomi
Lightning Strikes - Klaus Nomi
Total Eclipse - Klaus Nomi
The Cold Song - Klaus Nomi

Da non perdere

Noi per voi