Due di denari24/11/2017

Fenomeno Black Friday

  • 0

È ormai davanti agli occhi di tutti l'importazione (e la definitiva adozione) del black friday: nella consuetudine americana, a partire più o meno dagli anni 50, viene definito così il venerdì che segue la festa del ringraziamento. Una giornata, tradizionalmente, di shopping per i cittadini a stelle e strisce che, dopo essersi dedicati al tacchino e ai propri familiari, si fanno tentare da prezzi stracciati, sconti e promozioni di ogni tipo. Il nero farebbe riferimento ai bilanci dei negozi, che chiudevano in positivo grazie alla grande affluenza (in caso di perdite, si sa, si usava invece l'inchiostro rosso).
Secondo un Sondaggio Confesercenti-SWG sarebbero 14 milioni i nostri connazionali intenzionati a comprare, per un giro d'affari stimato in 1,5 miliardi. Offerte e pubblicità non mancano, e funzionano in particolare le vendite online, senza ormai soluzione di continuità con il cyber monday, il lunedì seguente, nel quale in origine si concentravano le offerte per l'ecommerce. Iniziano le danze, quindi, per gli amanti degli acquisti, ormai proiettati sui regali di Natale. Meno contenti i dipendenti di Amazon, che proprio in questa giornata hanno deciso di scioperare chiedendo un migliore trattamento economico. Le catene della grande distribuzione accusano le piattaforme di concorrenza sleale. E i negozi - pur raccogliendo la sfida - chiedono chiarezza, abituati a regole più precise in materia di offerte e sconti, stando alle quali per le promozioni si dovrebbero aspettare (almeno in teoria) i saldi di gennaio.
Nel pieno della giornata, commentiamo questo fenomeno con i nostri esperti, facendo il punto su tutti i consigli da tenere a mente per acquistare in sicurezza e facendo rispettare i propri diritti. Intervengono Mauro Bussoni – segretario nazionale Confesercenti –, Roberto Tascini – presidente Adoc e Roberto Liscia – presidente di NETCOMM, il consorzio del commercio elettronico italiano.

Da non perdere

Ascolta anche

Noi per voi