Due di denari12/07/2019

Concerti e biglietto nominale

  • 0

Dal 1° luglio è diventato obbligatorio il  biglietto nominale per i concerti nei posti con capienza superiore a 5.000 persone, una soluzione al fenomeno del secondary ticketing, altrimenti detto bagarinaggio. Dubbi però sulla lunga vita di questo provvedimento visto che dall'opposizione sono già pronti due emendamenti al Dl Cultura 59/2019 che vorrebbero abrogare la norma e concedere una moratoria in attesa di nuovi provvedimenti. Un dietrofront che sarebbe gradito anche ad  Assomusica  che ha più volte espresso la sua perplessità sul biglietto nominale che farebbe aumentare i prezzi dei biglietti e le code all'ingresso. Ma di fatto, al momento, cosa cambia per i consumatori? Facciamo il punto della situazione con Francesco Prisco del Sole 24 Ore e con la nostra Marta Cagnola, conduttrice di Radiotube e oggi sostituta al microfono di Debora. Ma dov'è finita la Rosciani? L'abbiamo mandata all' Assemblea del Centenario Abi , occasione per fare il punto sull’impegno delle banche, sull’Italia e sull’Europa. Ci colleghiamo con lei ad inizio trasmissione per uno sguardo in diretta sull'evento.

Spazio anche ad altre notizie nel Giornale radio del risparmio: dall'ennesima testimonianza d'amore per il  contante degli italiani, all'Inps che rilascia il modulo per la  rinuncia al reddito di cittadinanza , all'Agenzia delle Entrate che mette a disposizione il servizio web per richiedere importi e bollettini per la rottamazione ter.

Da non perdere

Noi per voi