I conti della belva12/02/2016

Il Pil Frena, altroché ripresa - La riforma delle Bcc - I debiti della PA restano non pagati

    0

Sui mercati gran danza macabra delle banche in tutta Europa: mal comune mezzo gaudio? Intanto l'ISTAT gela la retorica sulla grande ripresa italiana in corso: solo +0,1% nell'ultimo trimestre 2015, è da inizio 2015 che si perde un decimale a trimestre. E' ufficiale: Il governo vuole rinunciare alle clausole di stabilità 2017 senza coprirle: ci aspetta un deficit al 5%
- Conto alla rovescia
- Schadenfreude italiana
- Mercati: 6 guai mondiali insieme alle nostre colpe

Il Consiglio dei ministri ha approvato la riforma delle 364 BCC: una sola holding con facoltà per alcune di restarne fuori diventando spa o popolari. Diventerà un gruppo sottoposto a vigilanza BCE. Ma che poteri veri avrà la holding sulle banche che restano in esercizio? Chi ne esprimerà la governance, visto che sono le stesse BCC a conferirne il capitale? Manca ancora un testo, ma una cosa è sicura: anche in questo caso governo e Bankitalia non hanno agito all'unisono. Perché? Ne parliamo con: Alessandro Azzi presidente di Federcasse e Leonzio Rizzo, professore di scienza delle finanze Università di Ferrara
- Decreto banche, al via riforma Bcc con holding unica e garanzia su crediti deteriorati
- Una soluzione provinciale per le banche di credito cooperativo

Renzi ha perso la storica scommessa: la PA non solo non ha pagato i suoi debiti commerciali, ma ne restano oltre 70 miliardi di inevasi. Perché il tema è scomparso dall'agenda politica? Bisogna solo rassegnarsi, oppure che cosa si può fare? Ne parliamo con: Marcello Degni, esperto di finanza pubblica e di procedure di bilancio, coautore con pasquale Ferro del libro "Il ritardo nei pagamenti delle amministrazioni pubbliche" (Castelvecchi)
- Bankitalia: debiti Pa in calo, ma mancano ancora 50 miliardi

Da non perdere

Noi per voi