Il cacciatore di libri30/03/2019

"Sogni e favole" di Emanuele Trevi e "Sperando che il mondo mi chiami" di Mariafrancesca Venturo

  • 0

In "Sogni e favole" (Ponte alle Grazie) Emanuele Trevi racconta l'incontro con tre persone importanti nella sua vita e nella sua formazione culturale ed esistenziale: il fotografo Arturo Patten, la poetessa Amelia Rosselli e il critico letterario Cesare Garboli. Attraverso ricordi e aneddoti, Trevi condivide con i lettori riflessioni sul sè, sulla vita, sulla solitudine e sul desiderio.

Nella seconda parte incontriamo Mariafrancesca Venturo, autrice di "Sperando che il mondo mi chiami" (Longanesi), un romanzo poetico e feroce sul mondo dei precari della scuola. Poetica è la descrizione della protagonista, Carolina, che ogni giorno si prepara e va in un punto cruciale di Roma da dove partono gli autobus, pronta a raggiungere qualunque destinazione in caso di chiamata per una supplenza in una scuola. Carolina fa la maestra per scelta, perché lo ritiene un lavoro fondamentale, ha una grande dignità. Così come gli altri precari che la circondano che magari ogni giorno prendono un treno da Caserta senza sapere se hanno o meno un'assegnazione. Feroce è il precariato che schiaccia queste persone, soprattutto Carolina, spinta da grandi ideali.

Da non perdere

Ascolta anche

Noi per voi