Il cacciatore di libri24/10/2020

"Piano nobile" di Simonetta Agnello Hornby e "Il bosco del confine" di Federica Manzon

"Piano nobile" di Simonetta Agnello Hornby (Feltrinelli) è il secondo volume della saga...

  • 0

"Piano nobile" di Simonetta Agnello Hornby (Feltrinelli) è il secondo volume della saga iniziata nel 2016 con "Caffè amaro". L'autrice di romanzi come "La mennulara" e "La zia Marchesa" ci porta stavolta a Palermo fra il '42 e il '55. Tutto gira intorno alla famiglia Sorci, con a capo il barone Enrico che sta per morire. Negli ultimi giorni della sua vita, rivede i fantasmi delle persone del suo passato e fa un bilancio della sua esistenza. Morto il barone Enrico, la famiglia sarà guidata dal figlio Cola, sposato con Margherita, ma da sempre innamorato di Laura, moglie del fratello Andrea, con la quale ha avuto un figlio, Carlino (Carlino è omosessuale e non avrà vita facile). "Piano nobile" racconta le vicende di una famiglia numerosa, fra invidie e gelosie, i bombardamenti e il dopoguerra.

Nella seconda parte parliamo di "Il bosco del confine" (Aboca) di Federica Manzon, che era stata finalista al Premio Campiello nel 2011 con "Di fama e di sventura" (Mondadori). Inizia come una storia di boschi fra l'Italia e quella che era negli anni 70 la Jugoslavia, boschi in cui la protagonista fa lunghe passeggiate con il papà che critica fortemente il concetto di confine e poi diventa una storia dei boschi intorno a Sarajevo, dove nell'84 ci sono le Olimpiadi e nel '93 si nascondono i cecchini che sparano alla popolazione della città assediata. Un romanzo che parla, dunque, di boschi, di confini ma anche di un senso di appartenenza a un luogo, Sarajevo, che alcuni personaggi vivono con forza.

Da non perdere

Noi per voi