#Autotrasporti04/02/2019

La E45 riapre ma non per i tir, giro di vite che per chi usa lo smartphone mentre guida

  • 0

A giorni la E-45, la Orte-Ravenna interrotta dal 16 gennaio all'altezza di Sansavignone (Arezzo), riaprirà ma solo per il traffico leggero. Lo ha disposto la Procura che ha dissequestrato il viadotto Puleto, ritenuto a rischio collasso. Per il mondo dell'autotrasporto il blocco si prolungherà ancora con pesanti ripercussioni sull'intero comparto logistico e produttivo dei territori attraversati dalla direttrice. Tra questi, in particolare, l'Umbria che da sempre sconta un pesante gap infrastrutturale, come ci racconta Maurizio Mariotti, consigliere delegato alle Infrastrutture di Confindustria Umbria.
Ogni anno in Italia avvengono circa 175 mila incidenti con lesioni alle persone, nel 2017 i morti erano stati 3.378. Tra le cause più frequenti degli incidenti c'è la distrazione, indotta dall'uso improprio di smartphone e di altri apparati elettronici. Il Ministero dei Trasporti e il Ministero dell'Interno hanno siglato un accordo che prevede un potenziamento dei controlli lungo le strade per sanzionare quelle violazioni che più mettono in pericolo l'incolumità di chi guida e degli altri utenti della strada. Ci spiega meglio di che cosa si tratta, il sottosegretario al Mit, Michele Dell'Orco.

Da non perdere

Ascolta anche

Noi per voi