#Autotrasporti14/02/2022

Caro carburanti, imprese in ginocchio, voci dal Lazio e dalla Sardegna; sicurezza delle infrastrutture stradali, la relazione di Ansfisa

La corsa, inarrestabile, al rialzo dei carburanti impatta con forza sui bilanci delle imprese di autotrasporto...

  • 0

La corsa, inarrestabile, al rialzo dei carburanti impatta con forza sui bilanci delle imprese di autotrasporto. Senza interventi di sostegno da parte del governo, in molte rischiano la chiusura: è l'appello delle associazioni. Varie le iniziative di protesta in questi giorni. La prima è andata in scena a Fondi, in provincia di Latina. "Oltre al caro carburanti le nostre imprese pagano un pesante deficit infrastrutturale, a questo va aggiunto il caro bolletta, alcune aziende della logistica operano nell'ambito dei prodotti deperibili con grandi consumi di energia elettrica", dice Vincenzo Marzocchi presidente Fai-Conftrasporto Latina e Lazio Sud.
Un altro territorio in grande sofferenza è la Sardegna. "Le nostre imprese sono penalizzate dalla continuità territoriale mancata, dopo il 2020 speravamo di rialzarci, invece in queste condizioni molte aziende sono sull'orlo della chiusura", sottolinea Maria Amelia Lai, presidente regionale di Confartigianato imprese.
Con Emanuele Renzi, direttore della Direzione generale per la sicurezza delle Infrastrutture stradali e autostradali di Ansfisa, il punto sull'attività dell'agenzia con la relazione del 2021 e gli obiettivi per il 2022.

Da non perdere

Noi per voi