A ruota libera30/01/2022

Bici e memoria

In questa puntata, che cade nella settimana in cui si è celebrata la Giornata della Memoria...

  • 0

In questa puntata, che cade nella settimana in cui si è celebrata la Giornata della Memoria, volgiamo uno sguardo al passato per parlare del legame tra la bicicletta e la Resistenza al nazifascismo, del ruolo delle staffette partigiane, delle ordinanze che in varie città vietarono la circolazione delle due ruote considerate pericolose e sovversive. Lo facciamo con Sergio Giuntini vicepresidente della Società italiana di storia dello sport. Anche Gino Bartali partecipò a suo modo alla Resistenza mettendosi a servizio di una rete clandestina e trasportando nella canna della bici documenti che consentirono di salvare centinaia di ebrei. Ne parliamo con la nipote Lisa Bartali, autrice del blog Biciclettami. Qualche anno prima di Bartali, un altro campione, il pistard tedesco Albert Richter si oppose fino alla fine al regime nazista, una storia che ha incrociato anche il più famoso circuito ciclistico italiano, il Velodromo Vigorelli. Ne parliamo con Gino Cervi, scrittore, editor ed autore di vari libri sulla bici. E c'è anche chi oggi pedala per non dimenticare: 100 mila i chilometri percorsi da Giovanni Bloisi, il ciclista della Memoria tra i luoghi simbolo della storia delle due guerre mondiali.

Da non perdere

Noi per voi